logo Fucinaidee

Elezioni francesi, il provincialismo italiano e la lezione di “Micron” che ora tratta con gli alleati di Melenchon (1)

di Claudio Velardi

Regna confusione in Francia dopo questo risultato del secondo turno delle elezioni legislative però i giornali italiani non rinunciano a quel tocco di provincialismo che li contraddistingue. C’è un dato di verità, unico e assoluto: fino a poche ore fa Macron veniva dato per spacciato, veniva considerato un mezzo matto che aveva perso totalmente il polso del Paese, la sua scommessa veniva segnalata come disperata. Addirittura il presidente del Senato, la seconda carica dello Stato, non molte ore fa ha definito Macron “micron“.

Politici e soprattutto giornali italiani hanno avuto, a mio avviso, una straordinaria lezione da Macron su come si fa politica con coraggio. Non c’è dubbio che alle elezioni Europee il presidente francese ha subito una sconfitta rovinosa ma il gesto, che a tutti è apparso folle, di indire le elezioni legislative a un mese di distanza dalle Europee si è rivelato una mossa politica significativa e assai intelligente.

Oggi con questa mossa Macron, che è a capo di una Repubblica presidenziale, potrà continuare a dare le carte (dà presidente della Repubblica) e cercare di formare una maggioranza che consenta alla Francia di andare avanti per i prossimi anni.
Non sarà semplice perché dentro il blocco della sinistra c’è Melenchon, nemico giurato di Macron, che ha dichiarato solennemente di voler andare a governare.

In realtà gli stessi suoi potenziali alleati, interni alla sinistra, non hanno tutta questa voglia di andare a governare con Melenchon e hanno iniziato a dirlo già a partire da ieri sera. Comincerà una trattativa per comporre, a mio avviso, una grande coalizione tra i centristi e la sinistra senza il partito di Melenchon.

L’altro dato del secondo turno delle elezioni legislative francesi riguarda la destra: è facile dire “sconfitta Le Pen” ma attenzione perché il suo partito è cresciuto rispetto alle tornate elettorali precedenti. Non ha ottenuto una vittoria sgargiante ma è un risultato che tiene sempre la destra in una posizione importante per l’appuntamento decisivo dei prossimi anni.

(da Il Riformista - 8 luglio 2024)

Nota

(1) Risultati definitivi elezioni Francia 7 luglio 2024:
182 seggi all’alleanza di sinistra del Nuovo Fronte Popolare guidata da Jean-Luc Mélenchon,
168 a Ensemble del presidente Emmanuel Macron,
143 al Rassemblement National di Marine Le Pen in coalizione con Eric Ciotti.
Questi i risultati definitivi del secondo turno delle elezioni legislative francesi per la nuova conformazione dell’Assemblea nazionale sciolta dallo stesso Macron a inizio giugno dopo la disfatta alle elezioni Europee.

I Repubblicani, che hanno deciso di correre da soli, ottengono 45 deputati mentre le altre formazioni di destra e sinistra rispettivamente 15 e 13 seggi. Altri partiti hanno conquistato i restanti 11 seggi.
Nessuno dei partiti e delle coalizioni in corsa ha ottenuto la maggioranza assoluta fissata a 289 seggi su 577. Una maggioranza senza Rassemblement National di Le Pen e senza La France Insoumise di Melenchon è possibile.

Record dell’affluenza, del 66,7%, la più alta dal 1997 quando al secondo turno si presentarono alle urne il 71,1% degli elettori.

Torna all'indice dei documenti
Torna alla prima pagina